Home » , » Mostri per le Masse

Mostri per le Masse

By Simone Corà | giovedì 29 gennaio 2009 | 13:30

di Nino G. D’Attis
238 pagine
2008
Marsilio Editori
16,00 €

L’ispettore Graziano Vignola indaga sull’omicidio di una studentessa, forse brutalizzata da una setta satanica. Attorno a lui, colleghi e amici che sanno o non sanno o fanno finta di non sapere. Dietro di lui, un passato sconvolgente, che riaffiora a poco a poco. Davanti a lui, solo l’inferno.

Nino G. D’Attis ha uno stile. È uno stile ostico e delirante, ma personale, riconoscibile, travolgente. È uno stile che graffia come chiodi sulla carne viva, che colpisce per la logica precisa e indistruttibile che giustifica un’apparente overdose di follia. Il suo vocabolario sembra contenere solo termini utili a descrivere squilibri, visioni pessimistiche, violenze psicofisiche, rigurgiti di ferocia affascinante.

Nessuna luce in fondo al tunnel, o azioni riabilitatorie che confortino e rassicurino dopo la carneficina, quindi, ma solo personalità deviate, personaggi che ingurgitano frullati di frattaglie e vomitano scarnificazioni vocali.

È un buio cupo, catastrofico, filtrato da un’ironia velenosa che sttolinea ed enfatizza il marcio della vita secondo D’Attis. È un buio destrutturato di passato e presente, piani temporali che si sovrappongono alla ricerca del vero significato della crudeltà. È un buio che cattura e che, dopo un iniziale smarrimento per il bizzarro delirio narrativo che trasforma saltuariamente il romanzo in un trip di parole e suoni e immagini, coinvolge al punto da dire: «Solo una pagina, lo giuro, una pagina ancora e poi smetto».

Non che sia facile entrare in questo universo. Improvvise divagazioni e lunghe parentesi creano un flusso di pensieri che a volte può rendersi anche fastidioso, nella totale gratuità con cui si costruisce bestemmia dopo bestemmia.
Ma lo si accetta per il ritmo indiavolato della storia, per il continuo alternarsi di personaggi splendidamente caratterizzati e a loro modo carismatici, per l’evoluzione dell’indagine e per un finale che non poteva chiudere in modo migliore.

Mostri per le Masse è un romanzo che resta dentro, un romanzo che fotografa la vita da un punta di vista malsano e sgradevole, un romanzo che non mostra eroi né morali che permettano di immaginirli, ma solo un cinico sarcasmo che attorciglia lo stomaco.

6 commenti:

  1. Ah bene, solite figuracce mie... Silente... Ahhhhh... Ma sai che mi hai incuriosita con questo romanzuccio? Quando finirò l'interminabile coda di libri da leggere, sicuramente rientrerà nella mia biblioteca!!! Ciao/Fede

    RispondiElimina
  2. Massima stima a Nino D'Attis.
    Chapeau.

    RispondiElimina
  3. Sicuramente.
    E a questo punto devo recuperare in qualche maniera anche l'altro suo romanzo. Al più presto.

    RispondiElimina
  4. Infatuation casinos? digging this latest [url=http://www.realcazinoz.com]casino[/url] chairwoman and pigeon-hole online casino games like slots, blackjack, roulette, baccarat and more at www.realcazinoz.com .
    you can also into our blooming [url=http://freecasinogames2010.webs.com]casino[/url] allusion at http://freecasinogames2010.webs.com and gain dregs reprimand folding spondulix !
    another late-model [url=http://www.ttittancasino.com]casino spiele[/url] emplacement is www.ttittancasino.com , in the seminar of german gamblers, be entitled to manumitted online casino bonus.

    RispondiElimina
  5. It isn't hard at all to start making money online in the underground world of [URL=http://www.www.blackhatmoneymaker.com]blackhat seo[/URL], Don’t feel silly if you have no clue about blackhat marketing. Blackhat marketing uses little-known or little-understood ways to produce an income online.

    RispondiElimina