Home » , , , , , , » Wu-Tang Clan meets Hong Kong: The Man with the Iron Fists (2012)

Wu-Tang Clan meets Hong Kong: The Man with the Iron Fists (2012)

By Simone Corà | venerdì 22 marzo 2013 | 08:00



USA, colore, 110 minuti 
Regia: RZA 
Sceneggiatura: RZA, Eli Roth 

Nonostante il successo raggiunto più o meno in qualunque cosa abbia messo mano, il sogno proibito di RZA, il leader de facto del Wu-Tang Clan oltre ad avere una buona carriera solista, essere produttore rinomato nel nigga-universe, autore delle colonne sonore degli ultimi film di Tarantino e simpatico attore, è quello di dirigere un film, ma non un film qualsiasi, bensì un film di arti marziali nel puro Hong Kong style, quel wuxia mischiato a certo fantasy folkloristico, cosa che insomma, hai in mente di fare se sei cinese e hai, come dire, la cultura cinese nel sangue, ma lui è grande estimatore del genere e quindi scrive, riscrive e revisiona per anni una sceneggiatura assieme a Eli Roth, si costringe ad accantonare l’ambiziosa idea di realizzare una pellicola di oltre quattro ore per poi dividerla in due parti che deve essergli venuta in mente guarda caso mentre musicava Kill Bill, riesce a racimolare un 20 milioni di budget e parte per Shangai dove praticamente fa ogni cosa: dirige, rappa, tarantina un po’ e recita.

Ora, per poter trattare certo materiale, si parla in fondo di un rapper negro con le braccia steampunk e un tizio sadomaso che si chiama X-Blade che nel XIX secolo prendono a mazzate cinesi volanti e uomini d'oro, e uscirne con un prodotto valido, non è che si debba per forza chiamarsi Tarantino, ma sicuramente aiuta – tuttavia RZA, per quanto cerchi di alzare il tiro ogni tanto, non supera mai il livello del puro omaggio reverenziale e riesce così a tirare fuori un film tutto sommato dignitoso e, nonostante l’estrema serietà che lo pervade, parecchio divertente. Il metodo in fondo è semplice: trama rosicchiata e banale di vendette amorose, senso dell’onore, rivalsa spirituale e poco più, ma più che buona gestione dei mezzi con personaggi dotati del giusto carisma, duelli ben coreografati, soprannaturalità weird molto gustose, ultraviolenza giocattolosa e gran crescendo epico.

Il mix quindi funziona nonostante la quasi paradossale atmosfera assai composta e severa, perché se l’ironia che talvolta esce è soltanto a livello di piccoli scambi di battute tra personaggi, RZA si prende decisamente sul serio anche filmando un obeso Russell Crowe che squarta giganti con la sua assurda arma. Va quindi detto che l’unico forse a non rullare al 100% è proprio RZA, troppo cupo e depresso nel battere il ferro per forgiare armi nemiche e poco eroe quando indossa i guantoni metallici e spappola crani – un conto infatti è se fai il produttore negro pieno di soldi e pieno di figa, cioè te stesso, in Californication, ben altro è se fai un reietto che combatte per amore contro i cattivi più malvagi ever. In compenso si destreggia decorosamente dietro la macchina da presa, con un buon taglio nelle scene e un occhio deciso, sicuro e anche un poco personale nella prima metà, e con un maggior virtuosismo, non sempre adeguato ma comunque interessante, nella seconda, con split-screen e a go-go e belle scelte cromatiche.

Esce in Italia a maggio, preparate i pugni di ferro che conservate nel cassetto e allenatevi nel freestyle, yo!      

22 commenti:

  1. lo guarderò per il respect che provo per RZA.
    spero sia divertente, anche se la presenza di russell crowe mi preoccupa sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, è bene o male l'unico motivo per cui l'ho guardato - divertendomi un sacco, però. E comunque Russl Crowe funziona, è talmente obeso che si cala perfettamente nel suo personaggio :-)

      Elimina
  2. A me ha divertito molto.
    Sto aspettando a pubblicarlo giusto per attendere l'uscita italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo è una grande tamarrata fordiana!

      Elimina
  3. Me lo segno perchè adoro queste stupidaggini... XD

    RispondiElimina
  4. l'ho appena visto, in italiano tra l'altro, simpatico, cafone e splatter, il personaggio di Russell Crowe è strepitoso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, poi, con quell'arma assurda che ha... :-D

      Elimina
  5. film simpatico ma di grana grossissima...ah C'è un LIEBSTER AWARD fresco fresco che ti aspetta da me .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ma c'è RZA con i pugni di ferro, è pura tamarraggine! XD

      Elimina
    2. Così come Bradipo anch'io ti ho regalato un Liebster, scusa:D

      Elimina
  6. L'avrei saltato a piedi pari. Adesso mi tocca vedercemelo...

    ps: salta da me che ti ho pure premiato...

    RispondiElimina
  7. c'è un liebster award alla fabbrica dei sogni che ti aspetta, vieni a ritirarlo :)

    RispondiElimina
  8. ti ho assegnato un liebster sul mio blog!

    RispondiElimina
  9. Bello tamarro. E mi è piaciuto pure il personaggio di Crowe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, pure a me, giogioneggia alla grande!

      Elimina
  10. Dio santo. Inguardabile. Na porcata immonda.
    Porco giuda, noi dobbiamo parlarci a quattrocchi... XDXDXD

    Salvo solo Lucy Liu: un fiore! :B

    RispondiElimina
  11. Filmetto simpatico e appassionato! Peccato per RZA che come protagonista è tremendo e per gli effetti splatter in CGI che stonano tantissimo in un film del genere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, RZA davvero terribile, peccato, è l'unico personaggio fuori luogo, perché se avesse fatto il negro sarebbe stato perfetto, invece a fare il fabbro serio e innamorato no, non ci stava

      Elimina