Home » » Il classificone: i migliori horror del 2012

Il classificone: i migliori horror del 2012

By Simone Corà | venerdì 28 dicembre 2012 | 10:00


Dopo i peggiori arrivano inevitabilmente i migliori, con un 2012 assai più interessante dell'anno precedente, ma dato che le presentazioni non se le fila nessuno, via di classifica!


5 – Lovely Molly
Disturbante come pochi, l’ultima pellicola di uno dei due papà di The Blair Witch Project parte in sordina come comune ghost house per poi evolversi in un labirinto di visioni angoscianti, cattive, violente, dove l’orrore non trova alcuna risposta ma solo nuovi interrogativi.

4 – The Divide
Pochi cazzi, Xavier Gens ritorna dopo una manciata d’anni, necessaria a far svanire la vergogna per Hitman, e replica parte di struttura e concetto di Frontiers per un film potente e solido, magari banale ma dettagliato e realistico, dove l’accrescersi della follia e la privazione di certezze vengono trattate come raramente visto altrove.

3 – Kotoko
Tsukamoto ha sempre preferito parlare per immagini più che per parole, e se magari non sempre ha saputo controbilanciare adeguatamente questi due aspetti con Kotoko, per quanto si tratti di un film ermetico ed enigmatico dove ci sono sì e no tre dialoghi, la potenza poetica e brutale della storia nasce proprio dalla capacità visionaria del regista giapponese. Durissimo e delicato, atroce e dolcissimo, un film di struggente bellezza.

Ti West al suo meglio, in grado di cambiare pagina dopo le meravigliose inquietudini settantiane di The House ofthe Devil per offrire un horror delizioso, ironico, fresco ed elengatissimo, trainato da una coppia di attori/personaggi fantastici e da una manciata di momenti di tensione di gran classe.

1 – The Pact
L’horror nella sua forma più pura, quella capace di generare tensione e terrore, una paura genuina che nasce da scelte registiche estremamente ispirate, dove il classico diventa innovazione nel movimento della macchina, nella direzione dei mostri, nella costruzione dello spavento. Al tutto bisogna aggiungere una trama che parte da molti cliché ma dimostra personalità e gran gestione dei personaggi, e non è cosa da poco.

39 commenti:

  1. lovely molly e the pact non li ho visti, ma su un film con casper van dien non avrei scommesso un granché :D
    grandissimo the innkeepers!
    kotoko e the divide sono due film molto interessanti, anche se non mi hanno convinto al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io non avrei scommesso nulla su qualcosa con Casper Van Dien, e invece in The Pact è addirittura bravo :)

      Elimina
  2. Non ho visto il primo e l'ultimo, devo rimediare... Grandi le scelte di The Divide e The Innkeepers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimedia subito, sono ottimi film, più pauroso il primo mentre assai più disturbante e straniane il secondo ;)

      Elimina
  3. Io avrei messo "The Innkeepers" come primo. "Lovely Molly" come terzo. Concordo su "The Divide" e sul suo posizionamento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la scelta è stata dura, alla fine ho preferito The Pact perché è stata una vera sorpresa :-)

      Elimina
  4. Mi sa che sono l'unico a non apprezzare Gens... vabbuò! Comunque gran colpo con lovely molly, un gioiellino.
    Sapete che devo ancora guardare The Pact? occhei, all'angolo sui sassolini.
    Comunque Bubba ho tep spacca di brutto!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me The Divide è piaciuto assai, visto due volte con enorme goduria. E recupera The Pact, muoviti! ;)

      E se Bubba Ho Tep spacca di brutto, non hai idea di quanto rockeggi John dies at the End!

      Elimina
  5. ecco presente! anche io non avrei messo The Divide nel classificone dei migliori...sugli altri sono abbastanza d'accordo, mi sono tutti garbati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma a voi è piaciuto Quella casa nel bosco, uff... ;)

      Elimina
  6. Innkeepers una delusione, sul resto non mi pronuncio, in fondo ho visto solo The divide.
    Recupererò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, aspettavo proprio questo commento! XD
      Recupera gli altri, su, ma non guardarli con la Jules che ci sono troppo spaventi! ;)

      Elimina
  7. Innkeepers mi è piaciuto molto, su gli altri non mi pronuncio..non li ho visti. Mi incuriosisce molto The Divide però. Dovrò trovare il momento giusto (bimbi a nanna of course)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Divide è un film molto forte, ma ti lascia sazio e soddisfatto per la mole di cose che succedono e per la ricerca di una certa credibilità :)

      Elimina
  8. divide,inkeepers,li devo vedere ...Lovely Molly mi interessa,ma veramente io ti faccio i complimenti per l'immagine di elvis e jf kennedy...Torna Don!Te ne prego!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tornato con John dies at the End, uscirà a fine gennaio negli States e poi solite cose che sappiamo tutti. L'ho visto al festival sci-fi di Trieste ed è fantastico, mille anni avanti rispetto a Bubba Ho-Tep! :D

      Elimina
    2. già bubba è un capolavorone della madonna,chissà questo.Grande Coscarelli

      Elimina
    3. E Incident on and Off a Mountain Road l'hai visto? Era un episodio della prima stagione dei Master of Horror, molto serrato, rapido, coinvolgente, da un racconto di Lansdale :)

      Elimina
  9. "The Innkeepers" l'ho trovato non un capolavoro, ma quasi. Film da vedere, oserei dire obbligatoriamente.

    RispondiElimina
  10. Dimenticavo, "The Pact" l'ho recensito anch'io, positivamente, qui: http://psicheetechne.blogspot.it/2012/06/pact-di-nicholas-mccarthy-2012.html#

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti l'ho scoperto grazie alla tua rece, perché non mi sembra sia stato molto chiacchierato in rete e nella blogosfera... :-)

      Elimina
  11. the pact lo volevo vedere ma mi ero completamente dimenticato... vado di recupero :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, veloce, che il 2012 sta per finire! :)

      Elimina
  12. Ciao socio, The Pact e Lovely Molly sono in lista d'attesa. Dalle nostre parti si è adorato Sinister, e speziamo una (piccola) lancia (fuori tempo massimo, però) per Cornered!
    Per quanto riguarda The Divide, beh, resto del parere che sia una cagata tra l'altro irritante di uno dei new director più idioti del panorama internazionale... Poi, dai, non dire che è "realistico"... se lo è allora anche mia nonna sulle nuvole che fa il bucato ballando la lambada col tanga lo è! :-PPP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so che The Divide nun ti era piaciuto, ricordo la rece super cattiva, a me invece è piaciuto assai proprio per quel "realismo" che inscena - che lo so che non è realistico nel vero senso della parola, ma il modo in cui la follia prende possesso dei protagonisti e lo sviluppo della situazione raggiunge cose mai viste prima in film dello stesso tipo :)

      Elimina
  13. Perché avete bisogno di vedere così tanta violenza?

    RispondiElimina
  14. La tua non risposta giustifica la mia impressione: sei un ragazzino ignorante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però, ciccio, è come se io venissi nel tuo tentativo-blog sui manga e ti dicessi perché hai bisogno di vedere così tanta pornografia, no?

      Elimina
  15. Innanzitutto quello non è un ma solo una prova di account.
    E poi dubito fortemente che tu abbia mai visto o letto qualcosa dove non ci sia almeno un morto ammazzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua non risposta giustifica la mia impressione: sei un ragazzino ignorante.

      Elimina
  16. No, quello che continua a non rispondere sei tu...
    Vorrei sapere se hai mai visto o letto qualcosa che si possa definire cultura.

    RispondiElimina
  17. ho visto divide e devo dire filmone,certo ha dei personaggi un po' deboli e mi è parso che il marcio rimanga a livello di rappresentazione,cioè non mi ha sconvolto o creato empatia,ma è un grandissimo film lo stesso .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me i personaggi sono piaciuto proprio perché abbastanza banali e classici ma gestiti BENISSIMO senza mai sbandare o renderli ridicoli come boh in tutti i film in cui ci sono personaggi del genere e argomenti simili. :)

      Elimina
  18. The divide no. The Innskeepers lo si dovrebbe insegnare nelle scuole di regia: a ghost story for the minimum wage. Lovely Molly ni. The pact mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora recuperalo presto, siamo dalle parti di Ti West, vale molto :)

      Elimina