Home » , , , , » The Hallow (2015)

The Hallow (2015)

By Simone Corà | martedì 15 dicembre 2015 | 00:01

Dall'Irlanda i folletti più cattivi e feroci mai visti                                            

Della scorpacciata di Halloween credo rimarrò con un ricordo particolare di The Hallow, forse perché arrivato silenzioso, inatteso, di certo senza alcun strascico pubblicitario o di rimbalzo blogosferico come accaduto per tanti colleghi (anche un po’ immeritevoli, come l’insignificante Tales of Halloween, che immagino essere stato l’unico ad aver profondamente odiato, ma va bene, è giusto anche così), per di più spinto, come unica arma, da una locandina terribile che ne appiattisce la potenza orrorifica e la traveste da qualche tono fiabesco e vagamente infantile.
In realtà il trailer è una botta feroce e di grande atmosfera, e pur sapendo come una prima idea possa facilmente essere scardinata, si intuiscono  già la robustezza e la solidità dell’esordio di Corin Hardy, che piomba dal nulla e si guadagna, per quello che può valere, uno dei primi posti nei miei preferiti di quest’anno abbondante e ancora succoso.

Perché le sue molle sono uno spunto iniziale tanto semplice quanto perfetto, gestito con grande esperienza nel dosare informazioni e spiegazioni, e un ritmo forsennato in quella che, a conti fatti, è la parte più rocciosa e prorompente del film.
Per almeno 50 minuti i due poveri protagonisti corrono, scappano, si rifugiano, combattono come possono e quindi tornano di nuovo a correre e a scappare dalla minaccia del bosco, situazione che spiegata in questi termini forse incuriosisce poco o comunque non trasmette lo stesso influsso esercitato da Hardy, ma che si può percepire al volo non appena la vicenda arriva al suo punto di svolta.
Sarebbe comprensibile un timore circa una struttura portante e l’intelaiatura della narrazione, premere l’acceleratore può essere d’aiuto ma non salverebbe un film mediocre – ma che Hardy sia all’esordio non compromette in alcuna maniera il risultato finale, le ingenuità che appaiono svaniscono subito dopo grazie al motore disperato che muove Adam e Claire, momenti di improvvisa imbecillità come le cellule tentacolari che aggrediscono l’ospite in real time al microscopio (davvero, in quel momento ho temuto il peggio ma poi il film si assesta e ingrana la marcia giusta), o anche la banale e insensata chiusura dei primi titoli di coda, vengono stritolati dalla naturalezza e dalla intelligenza con cui è innescata la carica esplosiva.

Sarebbe infatti difficile per un film americano caratterizzare in questa maniera i due protagonisti, isolarli dalla società e sbatterli contro l’orrore necessiterebbe di traumi e problemi personali che invece Adam e Claire tutto sommato non hanno, salvo l’ordinaria selva di pensieri che ha qualsiasi famiglia: “dottore degli alberi” lui, neo mamma lei, pensano a questa nuova casa al confine con i boschi irlandesi crescendo il piccolo ancora in fasce ma senza per questo negarsi un po’ di relax fumoso con una colonna sonora che, tra reggae e punk, è quanto di più anomalo abbia sentito ultimamente nell’horror.
Insomma, la quotidianità ancora una volta è la carta vincente da giocare, e quando l’orrore striscia nelle loro vite è molto, molto più facile empatizzare e tifare per la loro sopravvivenza. E allo stesso medo è parecchio più doloroso soffrire per le vicende che li travolgono, con la stessa naturalezza che contraddistingue entrambi: gli eventi innescati dopo il rapimento del piccolo sono amari ma permettono a marito e moglie di esprimere con una sincerità commovente tutto l’amore che li lega.
D’altronde Hardy suggerisce l’orrore in poche fasi ma molto ben distinte, una in particolare (gli avvertimenti del vicino e in generale gli sguardi biechi dei paesani) è un punto fisso di certo cinema del terrore ma la progressione di avvenimenti singolari è credibile ed efficace, i fatti accadono puntuali e subito compromettono la stabilità giornaliera causando ulteriori situazioni problematiche, ma la normalità è sempre vicina ed è ancora facile aggrapparvisi per respingere il soprannaturale.


Che la marcia horror sia così elementare alla fine non ha motivo di allarmare, pescare dalla tradizione e dal folklore è cosa buona e giusta se al mito viene tolto lo smalto potenzialmente diseneyiano in favore di un volto crudele e totale come invece è giusto presentarlo, e infatti i folletti di The Hallow, se così possiamo chiamarli, sono brutali, violenti, maligni, spietati, veri e propri mostri che si muovono in branco con un unico scopo: portare a compimento il rapimento del figlio degli Hitchens scambiandolo con un Changeling.
The Hallow diventa così un horror pieno, un film di mostri, che dalla tradizione prende solo quello di cui ha bisogno, quell’atmosfera perturbante che rinvigorisca la crudeltà del popolo del bosco: gran parte della pellicola è infatti dominata da mutazioni e trasformazioni, da liquidi viscosi che causano alterazioni corporee, da artigli e articolazioni complessi, da volti deformati e mostruosità carnose che non sarebbero dispiaciute a un Barker essenziale.
Al resto pensa uno scenario meraviglioso fatto di boschi in notturna, fango ed erba bagnata, freddo e disperazione, e credo non sia da sottovalutare la possibilità di una lacrima finale per l’intensità delle ultime fasi della corsa.

6 commenti:

  1. Ne ho già letto bene da Frank, e la tua recensione alza l'hype a mille.
    Spero di vederlo entro il weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai sicuro, gran film, uno degli horror dell'anno :)

      Elimina
  2. A me è piaciuto molto il richiamo alla fiaba, ma quella vera, quella malsana e cupa. E soprattutto il non perdere tempo, il proiettare subito personaggi e spettatori nella vicenda. Sicuramente uno dei film dell'anno, anche secondo me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il tema fiabesco c'è tutto ma è mostruoso, ripugnante e realmente orrorifico, è una cosa che colpisce molto perché non c'è un momento uno in cui questo aspetto abbia qualche cedimento :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Devi, perché questo merita davvero tanto :)

      Elimina