Home » , , , , , , , » Mexican Junk: la recensione di Machete Kills (2013)

Mexican Junk: la recensione di Machete Kills (2013)

By Simone Corà | lunedì 18 novembre 2013 | 08:00


USA/Russia, 103 minuti
Regia: Robert Rodriguez
Sceneggiatura: Kyle Ward
Soggetto: Robert Rodriguez, Marcel Rodriguez

Non riesco a capire bene cosa passi per la testa di Robert Rodriguez, autore che saprebbe il fatto suo ma che, invece di percorrere una strada personale nella ricerca di citazioni, omaggi e certa anarchia cinematografica come fa da sempre l’amichetto Tarantino (che ottiene risultati di straordinaria, commovente bellezza), persegue questa via semi parodistica e di nullo valore artistico quasi il pubblico gli chiedesse ancora, dopo quasi dieci anni, di fare un nuovo Planet Terror. Per carità, niente da obiettare a quello strambo gioiello grezzo, ma già con il primo Machete, che non era piaciuto a nessuno, Rodriguez aveva mostrato enormi, enormi limiti nel dare certa credibilità scenica alla sua creatura, non riuscendo né a mettere insieme volgarità sporca e violenza exploitation con quel tatto sarcastico necessario né tanto meno a divertire chi, appunto, cercava un secondo Planet Terror.



Il problema di Machete Kills è quindi inquadrabile nella totale replica degli schemi del primo episodio, con il consueto ritmo dinamitardo che non ammette pausa né ovviamente un graduale e sensato crescendo di avvenimenti, l’ennesimo ricorso a pellicola rovinata, attori intenzionalmente cani e brutti tagli di montaggio, il solito mucchio di esagerazioni fine a se stesse e lasciate alla deriva (l’immortalità di Machete e il delirio futuristico di Voz, giusto per citare i due elementi più grossi), la già disastrosamente collaudata assenza di storia con un qualsiasi tipo di soluzione causa/effetto, e naturalmente la confermata esuberanza di ogni cosa che nelle intenzioni di Rodriguez vorrebbe probabilmente stupire ma che in realtà annoia, stanca e infastidisce sin da subito. Perché non c’è niente di interessante in questa riesumazione exploitation se Machete Kills manca di un qualsiasi tipo di attualizzazione o quanto meno di inserimento strutturale in un contesto che dia finta verosimiglianza alle troiate inscenate – c’è veramente qualcosa di sbagliato in questo accumulo di fantascienza scema (arma assurde che disintegrano la carne, cloni, visioni dal futuro) e azione tamarra, è un insieme sì volutamente ignorante ma privo di una qualsiasi coscienza nel farlo e di un qualche ingegno nel rivedere/smontare/riassemblare certi elementi da b-movie, che di fatto vengono buttati tutti assieme e uno dietro l’altro in un pastrocchio allucinante senza capo né coda, che mi sono ritrovato a guardare fastidiosamente proprio per capire quale sia, sempre se c’è, lo scopo di tutto questo.


E a poco servono alcune invenzioni, come Chamaleon, killer letteralmente trasformista che fonde Cuba Gooding jr, Walton Goggins, Antonio Banderas e Lady Gaga (!), rimane sempre una totale insensatezza alla base, un vuoto assoluto che non può e non potrà mai giustificare, per quanto Rodriguez cerchi di farlo con questa voluta ignoranza sopra le righe, la lista di assurdità che compone e allo stesso tempo distrugge il suo film. Abbiamo quindi a che fare con un vero e proprio non-cinema, non un cinema povero e limitato, neanche un cinema che ride e svecchia il cliché, bensì un cinema ricco che crea volontariamente un brutto film, così brutto che vorrebbe trasformarsi in bello, ma che cade addirittura ai piedi di certa roba dell'Asylum - almeno là ci sono i mostri. Il resto è solo uno gran schifo, che chissà cos’avrebbe potuto essere se nelle intenzioni iniziali fosse stato concepito come un normale action, un buddy movie pieno di botte e ironia come davvero facevano una volta. 

16 commenti:

  1. Io sono una delle poche a cui Planet Terror non era piaciuto nemmeno per sbaglio, a parte qualche interessante guest star e la realizzazione "sporca". Il primo Machete anche mi era piaciuto meno di questo, troppo serio, mentre Machete Kills viene trattato (IMHO, ovviamente), con il giusto piglio cazzaro ed ignorante che questi film dovrebbero avere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho letto tua rece, io penso però che solo in Planet Terror Rodriguez sia riuscito a fare il giochetto del film brutto e fatto male eppure godibilissimo nelle assurdità horror/splatter e nell'umorismo grottesco. Nei due Machete sembra solo come minestra riscaldata, non intrattiene e non diverte, peggio ancora, secondo me è proprio il peggio possibile del cinema, ovvero avere i mezzi e i soldoni e sprecarli per non offrire niente di niente, e tutto ciò volontariamente. E' ben altro lo spirito del b-movie, è ben altro l'uso del grottesco e del sarcasmo, è ben altra la tamarraggine. Per me Rodriguez è proprio sfasato, fuori da una concezione cinematografica di qualche tipo... :)

      Elimina
  2. vabbè, il primo aveva ancora il suo perché...
    questo anche no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per certi versi è vero. Peccato che anche il primo fosse così terribile.

      Elimina
  3. ...e mi state facendo venire l'insana frenesia di vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eh, ma io sono come quei bambini a cui dici: "Non toccare che è cacca"...secondo te che faccio?

      Elimina
    2. Ahahah, comprendo benissimo XD

      Elimina
    3. Ahahah, tranquillo, anch'io faccio sempre così e poi mi pento XD

      Elimina
  4. Sono curioso di confrontarmici, in fondo il primo mi era piaciuto parecchio.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora temo ti piacerà anche questo, e poi dovrò bottigliarti la recensione! :)

      Elimina
  5. A me pure è piaciuto molto il primo film della serie. Questo è carino con qualche scena che mi è piaciuta molto ma tutto sommato penso che il genere si sia rapidamente esaurito.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Rodriguez rimane fermo a riproporre stessi schemi, non è che ci sia molto spazio per nuove cose e nuovo divertimento...

      Elimina
  6. è proprio mexican junk...ma intenzionale, mi sono divertito ma meno che col primo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so, ma per me questo è proprio brutto cinema, perché non è prendere le brutture e metterle insieme in un circo strano ma coinvolgente (come fanno su American Horror Story), Rodriguez non credo sia proprio capace di gestire ste cose, bellissime sulla carta (il concetto di base, o anche il trailer del terzo episodio, favoloso) ma poi boh sono terribili a vedersi

      Elimina