giovedì 13 dicembre 2012

È ora di buttare le cassette: V/H/S (2012)



2012, USA, colore, 111 minuti 
Regia: Adam Wingard, David Bruckner, Ti West, Glenn McQuaid, Joe Swanberg, Radio Silence 
Sceneggiatura: Adam Wingard, David Bruckner, Ti West, Glenn McQuaid, Joe Swanberg, Radio Silence 

Ad attendere qualcosa per troppo tempo e con troppa gola c’è sempre il rischio di ricevere un prodotto ben al di sotto delle aspettative, in fondo l’attesa, si sa, può far deragliare opinioni e pareri portando a liquidare il tutto con un bruttissimo embè!?, che è bene o male unica mia espressione ogni qualvolta guardo un horror yankee. Ho seguito lo sviluppo di V/H/S dai primi annunci, l’idea di un mockumentary a episodi spinto e prodotto da Bloody Disgusting e, più che altro, con la partecipazione di Ti West, mi ha fatto abbondantemente salivare nell’ipotesi di un’opera che, data la firma di giovincelli interessanti e indipendenti, potesse dare respiro al genere finto-documentaristico, svecchiandolo e portandolo comunque verso mete da troppo tempo stantie. E invece V/H/S è il peggior esperimento ipotizzabile, è l’insieme delle insulsità e dei cliché, non solo del mockumentary, ma del cinema horror e teen in generale.

Cinque episodi più uno a farne da collante, ma non una sola idea davvero valida e convincente, non un momento di cinema riuscito, di invenzione, di spunto narrativo, di capacità di analisi della materia e riflessione su di essa, solo una manciata di storiacce tremende, vecchie, vecchissime e a tratti insopportabili. Siamo infatti alle prese con giovinastri svogliati che spaccano mobili e rubano nelle case, giovinastri idioti che si sballano in disco e rimorchiano belle figliole, giovinastri ridicoli che vanno a campeggiare nei boschi per farsi ammazzare dal Jason di turno, giovinastri scemi che chattano su skype perché, ehi, è l’horror moderno e tecnologico, insomma, sempre il solito tran tran orrorifico a uso e consumo del solo pubblico americano.

Perché io non trovo interesse nel seguire le vicende di branchi di scemonzi ubriachi che gridano e trombano e si trastullano nel bosco e mostrano le tette su skype con una gratuità così fastidiosa da togliere qualsiasi carica erotica alle immagini, è più forte di me, se i personaggi non hanno un minimo di psicologia che vada oltre il party all night io non ce la faccio, per me è una storia di merda a prescindere. E infatti gli unici momenti in cui V/H/S ha realmente qualcosa da dire è proprio negli episodi in cui i protagonisti mostrano qualcosa in più, un sostegno narrativo che li renda quantomeno degni di una chance.

La sensibilità narrativa di Ti West si sente tutta nel suo frammento, una storia di due sposini in seconda luna di miele dove sostanzialmente non succede nulla, ma è un nulla legato al quotidiano, alle chiacchiere tra lui e lei, è un nulla normale. Per il resto, no, non è un buon corto, piace la lunga ricerca dialogica e il fatto che maritino e mogliettina riescano a dire qualcosa di più di fuck shit e beer, ma la rasoiata finale arriva troppo bruscamente e sinceramente non è che si capisce bene il perché e il percome, se non che succede quello che succede perché serviva un cazzo di colpo di scena e voialtri silenzio.

10/31/98, del collettivo Radio Silence, è invece l’unico episodio che mi è piaciuto, perché è breve, perché presenta protagonisti che non urlano ubriachi e non così giovani, e perché è un discreto incrocio tra una qualche ghost house e la follia di un Evil Dead, con invocazioni demoniache, apparizioni ectoplasmatiche, mani che spuntano dalle pareti e vie d’uscita che svaniscono: insomma, simpatico e piacevole, caratteristiche che cerco più in un horror tradizionale che in un mockumentary, ma in quest’insieme di porcherie è bene accontentarsi.

Il resto, come detto, è vuoto, sterile, scopiazzato, a tratti irritante, a tratti ridicolo: insensati i ladri di Tape 56, che guardano vhs con il cadavere di un vecchio in casa senza accorgersi che questo si muove tranquillamente, ignobile Tuesday the 17th, con un killer che sventra a caso senza motivi e moventi ragazzi che non hanno motivi e moventi nelle loro azioni, esilarante The Sick Thing That Happened To Emily When She Was Young, con questi due fidanzatini falsissimi che skypeizzano tranquillamente nonostante ci siano i fantasmi in casa e guarda caso le lampadine sono tutte rotte e l’unica fonte d’illuminazione è il computer. Nel miasma di pura dissenteria filmica, solo la discreta mazzata finale del primo episodio regala qualcosa, una bella evil woman che magna e s’ingozza di carne umana, ma sono pochi istanti, veramente pochi soprattutto se arrivano dopo venti e passa minuti di risate sguaiate, ubriachi che strillano, voyeurismi gratuiti e fastidiosi e I fuck her fuck fuck fuck I’m drunk fuck but I want to fuck.

Tardi ormai per disincentivare la visione di questa porcheria, in fondo la presenza di Ti West difficilmente fermerebbe chi bazzica nella blogosfera (forse, boh, solo questo tizio qui che mena bottigliate a tutti), ma, se potete, evitate, davvero.

12 commenti:

  1. E invece io ci sono caduto. L'ho trovato troppo yankee anche io. C'è qualche sprazzo carino ma niente di più.
    Il primo episodio non mi era sembrato male, quello con l'arpia...

    ps: ho letto delle XII, mi dispiace troppo. Ma mi sa che ci sentiamo in pv, ok?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma comunque l'avrei visto anch'io, eh, non credere, so bene come siamo fatti noi malati... Del primo episodio bello il finale, ma ci mette davvero troppo per arrivarci.

      XII cosa ci vuoi fare, va così... e certo che ci si sente in pv, poi ti scrivo!

      Elimina
  2. magari lo guardo giusto per ti west.
    anche se qui non sempre essere al suo top...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, per niente, è un episodio proprio svogliato e senza un perché, ma si sente comunque il suo stile

      Elimina
  3. Altra recensione non troppo lusinghiera di questo film... però spero di vederlo al più presto comunque, anmche solo per Ti West...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale non troppo lusinghiera, 'sto film è davvero immondizia ;-)

      Però, eh, Ti West, lo so...

      Elimina
  4. nooo c'avevo la fotta per sto film!!!
    comunque, sai com'è, a ti west una visione non si nega ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, posso immaginare, pure io ce l'avevo, non sai quanta...

      Elimina
  5. Ma guarda un pò: è una delle rare volte che siamo completamente dissintoni nella visione di un film. Non condivido quasi nulla, infatti, della tua recensione. Il fatto che gli americani parlino in uno slang irritante tipo "fuck di qua" e "fuck di là", mi sembra un'obiezione un pò curiosa, cioè un pò come dire che un siciliano è assurdo quando parla in dialetto perché non si capisce quello che dice. E' evidente che un film yankee parla un linguaggio yankee. Non condivido neanche le notazioni sulla cornice narrativa dei ragazzacci spaccatutto che entrano nella casa del morto sulla poltrona. Io l'ho trovata una cornice spiazzante, stravagante e anomala, e appunto per questo efficace. In ogni caso, siamo sempre amici, non è vero? Cioè non mi espelli come ha fatto Grillo con la Salsi e Favia dal Movimento 5 Stelle, neh? :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fuori! ;)

      Mah, guarda, l'aspetto dialogico non è tanto una questione culturale, ma proprio il fatto che la caratterizzazione di TUTTI i personaggi sia SOLO quella, cosa per me inaccettabile: non hanno sfumature, non hanno consistenza, non hanno niente per cui valga la pena vederli, insomma, mi danno fastidio al solo vederli, che personaggi sono? Se poi ci aggiungi che le storie non hanno alcun spessore, sono banali, tediose e per di più fatte male, va da sé che il film proprio non mi è piasciuto... :-)

      Elimina
  6. Come ho già scritto da Lucia, nonostante l'odio per la telecamera a sballonzola perchè c'era West alla regia.
    Ho smesso dopo il primo segmento, nauseata ed infastidita per un filmetto veramente scarso. Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Ti West strega proprio tutti. Comunque anch'io ho fatto fatico, e già al primo segmento della cornice volevo spegnere tutto...

      Elimina

Related Posts with Thumbnails