Home » , , » Fen - Dustwalker (2013)

Fen - Dustwalker (2013)

By Simone Corà | martedì 29 gennaio 2013 | 08:00


Il 2013 inizia musicalmente benissimo, il ritorno dei Fen era infatti disco piuttosto atteso da queste parti non tanto perché i dischi precedenti del combo inglese mi fossero particolarmente cari, in realtà uscite sì interessanti ma comunque pasticciate e ripetitive, più che altro perché l’evoluzione dell’ex quartetto, rimasto orfano del tastierista, faceva ben pensare per un album futuro in cui il black metal, il post rock e certo retrogusto progressive settantiano avrebbero finalmente trovato il migliore equilibrio.

E infatti Dustwalker mostra una band competente e ricchissima di idee, cosa evidente non tanto dall’ottima opener, una botta di post-black sgraziato e urlato, ma dalla seconda traccia, Hands of Dust, canzone stellare, quasi dodici minuti di progressione sonora dove la delicatezza amara degli arpeggi iniziali sfuma in fughe psichedeliche e vibranti melodie, lascia man mano il posto a riff sempre più robusti fino all’esplosione in blast beat e screaming vocals. Gli altri quattro brani seguono felicemente lo stesso schema, tra melodie oblique che ricordano le migliori band strumentali e passaggi puliti e delicati figli di un certo amore per il prog rock di una volta, per concludere con il tour de force di Walking the Crowpath, dove la miscela di elementi che caratterizzano il sound degli inglesi trova la sua miglior espressione in una suite elegante e aspra, malinconica e violenta, squisita e cervellotica. 

4 commenti:

  1. ci credi che lo sto ascoltando in macchina proprio in questi giorni? ancora lo devo assimilare ben bene, l'unica cosa che posso dire e che mi è saltata all'orecchio è che la produzione poteva essere migliore, i suoni sono un po' troppo impastati soprattutto nelle parti più acustiche e atmosferiche...ma mi pare che sia un ottimo cd...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la produzione invece piace assai, quei suoni li trovo molto interessanti per la creazione di un'atmosfera piuttosto personale :)

      Elimina
  2. il prog di una volta mi piaceva assai.
    Ti piacciono gli Amorphis?(che volendo potrebbe essere una domanda retorica eh)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi Amorphis mi piacciono un sacco, ed Elegy credo sia uno degli album più belli di tutti i tempi. Poi li ho un po' persi, hanno semplificato troppo il sound e mi sono piaciuti sempre meno...

      Elimina