Home » , » They're coming to get me

They're coming to get me

By Simone Corà | lunedì 14 novembre 2011 | 15:30


Tre giorni, una dozzina di film più o meno buoni, MORITURIS E I GLADIATORI-ZOMBIE, un George A. Romero altissimo e io che gli arrivo alle ginocchia, interminabili settimane trascorse in fila per i biglietti, MORITURIS CHE È PIU’ VIOLENTO DI MARTYRS, un Kim Newman eroe del festival, MORITURIS IL FILM PIU’ SCIOCCANTE EVER PAROLA DI NOCTURNO, l’esperienza-Gantz con le sue quattro ore e mezza dopo le quali mi auguro sparino a Shinsuke Sato. Insomma, un sacco di cose, belle e brutte, sull’edizione 2011 del Trieste Science+Fiction. Lasciatemi recuperare un paio di post che altrimenti diventerebbero troppo anziani, poi nei prossimi giorni, in collaborazione con mister Marco Crescizz, largo spazio a impressioni, recensioni, foto e MORITURIS.

28 commenti:

  1. Hai fatto la foto con le ginocchia di Romero?

    RispondiElimina
  2. Simone, se parlerai male di Morituris ti farai amico i pescatori. ;)

    RispondiElimina
  3. Morituris meglio di Arancia Meccanica!

    RispondiElimina
  4. Morituris-acci loro!

    (Dovevo dire la mia...)

    RispondiElimina
  5. Report di Rue Morgue dal Fantasia 2011 (Morituris giudicato peggior film in concorso): "It's the kind of thing a teenage rapist who still plays with the He-Man figures would conceive"
    "ineptly dark cinematography obscures Sergio Stivaletti's make up effects, so with little to keep them in their seats, Morituris had audience members leaving in droves"

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Mortorius...il grande capolavoro, a detta dello sceneggiatore presente in sala, girato "perchè de si". Un film pessimo, 2tra i peggiori2 a detta anche di un personaggione inglese che sarà però il buon Simone a spiegare a chi mi riferisco. Del film però si salvano due cose:
    1- i disegni all'inizio
    2- la battuta sui pescatori.

    RispondiElimina
  8. Sono curioso di seguire nei prossimi giorni il reportage sulla manifestazione e la recensione di Morituris da cui mi terrò a debita distanza:D

    RispondiElimina
  9. Morituris, e quello che gli è girato attorno, è qualcosa di veramente incomprensibile: sceneggiatore ubriaco in sala, risate fischi e commenti tremendi del pubblico durante la proiezione, non c'erano nemmeno i sottotitoli in inglese per il povero Kim Newman che faceva il giurato in prima fila (poi c'è un divertente aneddoto su lui e Morituris, ma ve lo dirò nel post apposito).

    RispondiElimina
  10. Insomma, un' esperienza apocalittica, ordunque :)
    La foto di zio George ce l' hai?
    Morituris puzzava di vaccata sin da quando se ne è cominciato a parlare in giro.
    Mi ricordo che BD lo recensì rifiutandosi di mettere teschietti, perché indegno anche del voto più basso.
    Vabbè che BD non è proprio affidabile, e tuttavia faceva sospettare brutte cose.

    RispondiElimina
  11. Non per fare il bastiancontrario, ma cioè state parlando di Morituris come del male. O sono io che ho pessimo giudizio critico o il film, pur con i suoi limiti (e possono essere rappresentati dalla pessima prova di Malcom), non è da buttare. Prendiamo la recitazione, una spanna sopra qualsiasi produzione indie, i dialoghi non buttati lì alla cazzo di cane, l'intuizione dei gladiatori come maschere proto slasher, poi la regia di Picchio non mi sembra poi così disprezzabile. Certo se me lo paragonate a Romero ok, ci sto, ma siamo schietti anche sua maestà George l'ultimo suo zombi movie era tra il mediocre e il pessimo. Poi lo sceneggiatore può essersi ubriacato, cadere i fulmini dal culo di zeus, ma Morituris è un onesto prodotto indie superiore a tante cosacce più strombazzate come Ubaldo Terzani

    RispondiElimina
  12. è la sceneggiatura che fa schifo e l'idea dei gladiatori zombie è stata realizzata di merdra. Sono solo mille tipi di film (rape-slasher-torture-storico) messi a caso e realizzati ancora peggio. E soprattutto Romero lo abbiamo visto il giorno dopo e nessuno sano di mente potrebbe farne un paragone. "Maledetti pescatori"

    RispondiElimina
  13. ognuno è libero di pensarla come vuole,ma mi sembra che vi staite accanendo un po' troppo.il film è bello,secondo me.è la mia idea e me la tengo.e quello di BD dovrebbe andare a nascondersi,visto che nella recensione ha insultato il regista (non è proprio etico) e loro come sito sono dei marchettari da paura.ovvio che se fate i paragoni con Romero si va nell'assurdo,ma è anche vero che finchè si seguirà l'onda e dopo che uno dice "brutto" trutti lì dietro a fargli il coretto beh,l'horror italiano non andrà da nessuna parte.e magari a qualcuno di voi è pure piaciuto Il Bosco Fuori,non mi stupirei.

    RispondiElimina
  14. Te li sei cercati, Simone, ora goditeli, e devi confrontarti eh, non che fuggi, pavido. S
    ai, la dialettica, le idee, le intuizioni, il sano confronto che porta al superamento di opposizioni sterili e statiche...

    RispondiElimina
  15. Sì, saranno marchettari e avranno insultato in maniera antietica il regista, ma poi gli hanno dato la possibilità di rispondere alle critiche in un altro articolo, dopo aver recensito il film ed è nata anche una discussione interessante.

    RispondiElimina
  16. questo non lo sapevo,sinceramente.in ogni caso, de gustibus,per carità.L' unica cosa è che quando si fa critica, e qui parlo di testate come BD,va benissimo la sincerità ma bisogna sempre tenere conto che si è letti da molte persone e che le si influenza.Non dimentichiamoci mai che la critica è sempre e comunque molto soggettiva: ci sono considerazioni tecnico/oggettive ma il gusto personale fa il 90%.Io stessa faccio critica e ho più volte stroncato spietatamente.Ma mi guardo sempre bene dall'insultare.

    RispondiElimina
  17. Piaciuto molto, un curioso mix fra il rape-revenge anni 70 e il soprannaturale dei Resuscitati ciechi di de Ossorio e robe così. Lo spiorito estremo mi ha ricordato un po' il Clive Barker dei Books Of Blood, lo avrei visto bene come racconto breve. Non esente da difetti, per carità: il dialogo telefonico iniziale di Francesco Malcom è banale, la fotografia inizialmente un po' scura...per il resto lo trovo ben girato e gli attori non sono neanche malaccio. Sicuramente più coraggioso e originale di tanti cessi hollywoodiani attualmente in circolazione, anche se possibilità di una distribuzione su grande schermo ne vedo poche, troppo duretto per il grande pubblico. Faccio i migliori auguri a regista e produttore, comunque.

    RispondiElimina
  18. @ Lucia: sì, la foto c'è, eccome, la posterò prossimamente. :)

    Sulla questione Morituris, rispondo agli altri. Non è che ci stiamo scagliando contro a priori, io mi sono scagliato contro perché l'ho trovato un film orribile, e comunque ne riparlerò in sede di recensione. E' un film in cui non si può salvare niente se non la regia di Picchio, che è interessante, ma per il resto siamo davvero ai minimi storici.

    La sceneggiatura non c'è, i dialoghi sono puro delirio senza capo né coda, il senso del grottesco è fasullo e totalmente non riuscito (quel "maledetti pescatori", quel "ci sono samurai che ci attaccano"), così come la costruzione dei personaggi, insensata (il tizio arrogante e intelligentone che si fa le compilation di brutal e Britney? WTF?).

    E si potrebbe parlare a lungo, non so, di cosa possa collegare i gladiatori alle croci cristiani, o della gestione imbarazzante dello scoppio di follia dei tre giovinastri.

    Non è un film coraggioso, non è un film audace, è pura e semplice pornografia della violenza (e non che io abbia qualcosa contro l'ultraviolenza e lo splatter più gratuito), ma fatta malissimo (il topolino nella passera? Ancora? Ma scherziamo? Quattro pugni e quattro calci a due ragazze e una sodomizzazione?, è tutto questo l'estremo?)

    Non è una questione di remare contro il cinema horror italiano (a me è piaciuto Shadow e mi piacciono parecchio i film di Bianchini, ho adorato Road to L. e per restare in tema di festival credo che The Gerber's Syndrome sia davvero un bel prodotto), ma se è tutto questo quello che sanno offrire, allora, boh, spero che di horror in Italia non se ne faccia più, a sto punto.

    RispondiElimina
  19. Le croci credo si ricolleghino alla strage dei gladiatori ribelli guidati da Spartaco, anche i disegni che accompagnano i titoli di testa vanno in quella direzione... una sorta di vendetta ultraterrena contro i discendenti dei loro repressori, insomma. E non parlerei di esplosione di follia, è chiaro che i giovinastri hanno condotto le due sventurate in una trappola (i riferimenti al massacro del Circeo sono assai espliciti). Trattandosi di un mix fra il rape/revenge e l'horror mi sembra ovvio puntasse sulla pornografia violenta, poi se uno si aspetta altro può rimanere deluso. I dialoghi non li ho trovati in generale così imbarazzanti, si è sentito ben di peggio in cose come Eaters o Ubaldo Terzani Horror Show; ma come dicevo prima la telefonata iniziale di Malcom nun se po' sentì. Indubbiamente i personaggi andavano caratterizzati meglio, son un po' grezzi; ma si tratta pur sempre di un'opera prima che mi fa ben sperare per lavori futuri.

    RispondiElimina
  20. Sui gladiatori, vero, ti do ragione, può essere questo il motivo. :)

    Poi, no, chiaro, con esplosione di follia non intendevo che i personaggi di colpo impazziscono, ma che di colpo mostrano la loro vera faccia in un modo poco credibile, soprattutto pensando alle scuse campate per aria con cui hanno trascinato le tipe lì.

    Cioè, le due rincoglionite non hanno mai avuto un sospetto, nonostante abbiano parcheggiato la macchina in mezzo a un campo, nonostante non sentissero la musica rimbombare da nessuna parte, nonostante camminassero a cazzo per il bosco, nonostante non avessero i cellulari con sé?

    E poi, la violenza. Ripeto, se il film vuole scioccare, bene, ma DEVE scioccare, e dire diecimila TROIE e cinquantamila SUCCHIAMI IL CAZZO non è estremo, è stupido, è infantile. Non bastano quattro pugni e dieci calci nello stomaco, non basta una sodomizzazione, per non parlare della tizia nuda per l'intera pellicola, pura gratuità, che non disturba, non umilia, anzi, diventa elemento ridicolo.

    Il film non ha sostanza, non ha storia, non ha personaggi, non ha motivazioni, ahimè non ha niente...

    RispondiElimina
  21. il film ha i maledetti pescatori! E l'uomo mannaro che da simpaticone si trasforma in stupratore che si trasforma in uomo-mutanda orrenda-sputa birra su fuoco.

    RispondiElimina
  22. Visto al DamsFilmFestival, Morituris è un filmetto amatoriale (si vede male non solo nelle scene buie ma anche negli esterni macchina giorno o nella scena iniziale di Malcolm) e privo di sceneggiatura, l'idea è come al solito quella di un corto stiracchiato. La mezz'ora finale coi gladiatori che ammazzano a casaccio è noiosissima. Ho il sospetto che questo filmetto amatoriale sia stato tanto acclamato solo perchè ben spinto da varie conoscenze (il presuntuoso sceneggiatore Perrone è da anni colonna portante della rivista Nocturno e altre ancora come TaxiDrivers). Insomma la solita italietta degli amici degli amici. Basta leggere il forum di Nocturno dove scrivono gli stessi Picchio e Perrone e tutti a dargli pacche sulle spalle e a scrivere di quanto è figo il loro film. Peccato che poi basta vederlo per mettersi le mani nei capelli... vorrebbe tanto sconvolgere e turbare, purtroppo è solo noioso e mal fotografato.

    RispondiElimina
  23. Non posso che concordare con te, parola per parola. E per rendersi conto dell'amatorialità del film basterebbe proprio quel monologo iniziale, così assurdo e delirante che ben introduce le moriturate che seguiranno. Grazie per il commento. :)

    RispondiElimina
  24. Qualcuno a Trieste ha visto The Gerber Syndrome? Che ne pensate?

    RispondiElimina
  25. Io vorrei sapere se gli ideatori hanno concepito Morituris come un omaggio a quei vecchi rape-revange o se invece l'abbiano fatto incoscientemente, producendo un qualsiasi trash.
    E sinceramente alcune scene con i gladiatori non erano male.

    Visto che qua si parla del S+F, avviso Marco per aver vinto la Cineram! Argh!!!
    Giovedì alla Cappella Underground hanno estratto i vincitori del concorso prima di proiettare Mulberry Street.

    RispondiElimina
  26. @ Achille: a me The Gerbe Syndrome è piaciuto. Certe, ci sono alcune cagatine che potevano evitarsi, ma nel complesso è un buon prodotto, molto realistico sia dal punto di vista della storia, che, incredibile, della recitazione. :)

    @ Giovanni: penso volessero "semplicemente" tirare fuori qualcosa di scioccante filosofando su alcuni fatti realmente accaduti del massacro del Circeo.
    Ho visto che quel bastardone di Crescizz ha vinto, maledetto.
    E bello Mulberry Street!

    RispondiElimina
  27. ma voi avete mai fatto qualcosa?

    RispondiElimina