Home » , , , » Jay and Seth vs The Apocalypse

Jay and Seth vs The Apocalypse

By Simone Corà | giovedì 29 settembre 2011 | 08:00


Siamo sul finire del 2006: Seth Rogen e Evan Goldberg hanno appena concluso il progetto Molto incinta e, prima di scrivere i chilometrici, esilaranti dialoghi di Suxbad, mettono in cantiere questa bizzarra horror-comedy dal titolo delizioso, Jay and Seth vs the Apocalypse, per un corto di nove minuti che però non vedrà mai nessuno. Con l'idea di dare uno sguardo ironico su un'apocalisse che stende il mondo e rinchude in una stanza d'appartamento Jay Brauchel e lo stesso Seth Rogen nelle parti, come suggerisce il titolo, di loro stessi, il corto, girato in fretta e furia da Jason Stone, comincia a smuovere l'interesse della gente per mezzo di un simpatico trailer, solo che l'opera completata viene proiettata un'unica volta giusto davanti a una manciata di persone.

Ne nasce così una piccola leggenda, che vedrebbe il cliccatissimo trailer come un divertito fake dei due logorroici sceneggiatori, ma il passaparola, una certa insistenza dei fan e la pubblicità conseguita lo hanno trasformato, nel corso degli anni, in qualcosa di sempre più concreto: a febbraio, infatti, dovrebbe iniziare la produzione di un film vero e proprio, scritto ovviamente dall'accoppiata Rogen/Golberg, interpretato dal duo Rogen/Brauchel, e con un Rogen tuttofare probabilmente anche nelle vesti di regista.

La speranza è che si possa replicare il devastante umorismo di un Suxbad piuttosto dei più annacquati Strafumati e The Green Hornet, adoro infatti il fittissimo sproloquiare dei personaggi rogeniani, il loro arrampicarsi su specchi di parole che sembrano senza fine, la grezza insistenza di una volgarità adolescenziale che in fondo non guasta mai, e per quanto i suoi script siano ancora imperfetti e lontanti dal potenziale comico che potrebbero offrire, per Jay and Seth vs The Apocalypse io ho già comprato il biglietto.

2 commenti:

  1. dopo 20 secondi stavo già scompisciandomi dalle risate... sembra un trailer del maestro Maccio Capatonda! ahahaha

    RispondiElimina