Home » , , , » Intervista a Davide Cassia e Stefano Sampietro

Intervista a Davide Cassia e Stefano Sampietro

By Simone Corà | martedì 16 novembre 2010 | 13:30

Avete letto La clessidra d’avorio, il romanzo scritto dal dinamico duo Davide Cassia-Stefano Sampietro, pubblicato nella collana Mezzanotte di Edizioni XII? Bravi. Non l’avete ancora letto, nonostante sia un raffinato mix di avventura, mistery, alchimia e scacchi? Male. Nell'uno e nell'altro caso, però, potreste fare un salto su LaTelaNera e leggere l’intervista che ho strappato ai due autori.

Volete sapere come si scrive un romanzo in coppia? L’alchimia e i suoi misteri vi stuzzicano? Ecco qui un assaggio…

[La Tela Nera]: Davide Cassia e Stefano Sampietro, nomi giovani ma di certo non sconosciuti nell’underground letterario – Davide, tra l’altro, hai pubblicato il romanzo Inferno 17 un paio d’anni fa. Che ne dite di raccontarci un po’ di voi e presentarvi a chi ancora non vi conosce?
[Stefano Sanpietro]: I miei esordi letterari risalgono agli anni dell’università e sono legati ad alcuni concorsi a carattere locale, i cui buoni esiti mi hanno incoraggiato a proseguire nella scrittura. In seguito ho pubblicato alcuni racconti di fantascienza sulla rivista Futuro Europa della Perseo Libri e, più recentemente, ho partecipato alla prima edizione dei Corti di Edizioni XII. La clessidra d’avorio rappresenta per me una duplice novità, sia per la forma (è il mio primo romanzo) che per la sostanza (è la prima opera non di fantascienza).

[Davide Cassia]: Io considero la pubblicazione di Inferno 17 come il mio esordio, anche se in realtà ho pubblicato 3 romanzi prima di questo, con un editore a pagamento. Quello di cui vado orgoglioso, oltre ad aver pubblicato Inferno17 e a settembre La clessidra d’avorio, è aver contribuito a creare USAM, Una Storia al Mese, concorso letterario mensile in cui gli utenti del forum di Edizioni XII si sfidano, si confrontano e si scambiano opinioni. Penso sia questo l’aspetto fondamentale, e anche che è diventato un bacino da cui pescare nuovi talenti.

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Mi stanno simpatici quei due. Soprattutto quello panzuto :)

    Ho eliminato la prima perché c'era un refuso...
    Non potevo fare una tale figura di M.

    RispondiElimina
  3. ma lo sai che tanto poi anche se fai un refuso il blogger midian prende la mail con il tuo refuso e la gira a tutti i suoi lettori di blog?
    lo sapevi?
    eheheheh
    verguenza of you!

    RispondiElimina
  4. Sì, è vero, l'ho già fatto. Ora tutti sanno che tu fai i refusi! XD

    RispondiElimina
  5. Maledetti... vi taglierò con i coltelli della miracle blade...

    RispondiElimina