Home » , , , , » Forse la ruota inizia a girare

Forse la ruota inizia a girare

By Simone Corà | lunedì 12 ottobre 2009 | 14:49

E sarebbe anche ora, nel nostro mondo di scribacchini speranzosi, dove l'illusione diventa troppo spesso delusione provocando catastrofi immani ed esplosioni vulcaniche devastanti.

Perché, a novembre, Epix arriverà in tutte le edicole italiane con un volume, il n. 8, che non solo si mostra come estremamente interessante e, si spera, anche se la convinzione è piuttosto palese, di alta qualità narrativa, ma con un nome stampato in copertina che farà felici tutti noi poveri scribacchianti dell'orrore.

Samuel Marolla si appresta infatti a dilagare in tutta Italia con il suo Malarazza, antologia horror contenente ben 14 racconti. E Samuel Marolla, pur con la sua indiscutibile e sopraffina penna, è, in fondo, uno come noi, un'horrorteller che, come immagino abbia fatto la maggior parte di chi segue Midian, per caso o per simpatia, ha partecipato, tra gli altri, a vari concorsi della Tela Nera e di XII, piazzandosi di qui e piazzandosi di là, e ha fatto il grande salto firmando nientemeno che per Mondadori.

Sull'abilità di Samuel c'è poco da dire, e okay che, essendo un XII-boys, potrei apparire eccessivamente di parte, ma concedetemi una sviolinata, ché i suoi racconti pubblicati ne L'altalena, l'ormai imminente Archetipi e il futuro Rondò Veneziano, senza parlare di quelli con cui ha partecipato al Circo Massimo, sono perle invidiabili, storie gustosamente tenebrose arricchite da uno stile magari grezzo ma indubbiamente affascinante.

Quando acquisterete Archetipi (perché lo farete, vero?), potrete leggere il suo Sirene – forse il picco dell'antologia per le immagini evocate e il lessico usato per crearle –, un antipasto nientamale per Malarazza, che uscirà pochi giorni dopo.

E quindi, noi gongolanti colleghi di seconda mano abbiamo un motivo in più per pensare che, nonostante tutto, una speranza per gli esordienti tenaci c'è sempre, e notizie come questa non possono che farci esultare.

8 commenti:

  1. In bocca al lupo a lui, che non conosco. Che sia di buon auspicio per tutti!
    Ma una domanda non la posso proprio tacere: come mai esordire con un'antologia di racconti? Mi è sempre stato detto che non c'è debutto peggiore per uno scrittore ancora poco noto...
    Boh!

    RispondiElimina
  2. Infatti, è una scelta di solito sconsigliata, ma direi comunque che è una cosa più che altro legata alla piccola editoria.

    In fondo, se mamma Mondadori ha approvato, significa che un motivo c'è :)

    RispondiElimina
  3. È la riscossa della narrativa breve in Italia!!! Bruciamo i romanzi di millemila pagine! Fanculo le esalogie fantasy!!
    Viva il racconto horror!
    ;)

    RispondiElimina
  4. fico!
    ma non per le cose della narrattiva che si attiva ecc ecc
    tutte cazzate
    la cosa fica è che a me piace un casino quel che ho letto di Marolla
    e un suo libro è una figata
    e non me lo perdo

    il resto son cazzate :)

    RispondiElimina
  5. A me le cazzate piacciono! :P
    Ma concordo sulla ficosità!

    RispondiElimina
  6. Non c'è più grande cazzata che la foto della ruota della fortuna che accompagna questo post... la trovo... sublime! C'è anche il logo Rete Quattro!

    RispondiElimina
  7. Oh che bene... finalmente svelato il progetto dell'abile Samuel!

    RispondiElimina