Home » » Noekk - The Minstrel's Curse

Noekk - The Minstrel's Curse

By Simone Corà | mercoledì 4 giugno 2008 | 18:53

Terzo giro di boa per i progsters tedeschi, autori di un elegante intuizione musicale che abbraccia con sorprendente facilità scorpacciate dei seventies più articolati e sognanti, manciate di classic metal e strizzate d’occhio a un gelido alone black lento e cadenzato.

La natura genuinamente estrema che avvolge l’intero The Minstrel’s Curse, che scorre ancora nelle vene di Markus Stock alias Schawodrf e Thomas Helm (nonostante i balordi nick di adesso, F.F. Yugoth e Funghus Baldachin), in freddi passati erano le menti pensanti degli Empyrium), è un affascinante processo di restyling che dona freschezza a una proposta di stampo prog già di per sé di elevata fattura. Ne è un esempio l’incedere della title track, che dopo una cavalcata vagamente maideniana, viene presto soffocata da un oscuro alone di chitarre zanzarose di chiara matrice estrema, perfettamente inserito in una progressione musicale che richiede applausi per tutti i sette minuti di durata.

Tolta la delicata malinconia della strumentale How long is ever, gli altri due lunghi pezzi seguono la libera reinterpretazione prog della title track, concedendo ora calmi e liquidi arpeggi inquietanti ora vivaci sprazzi di colore colanti acciaio, il tutto coadiuvato da una glaciale ricerca melodica di tipica natura scandinava.
Oltre le cascate di cambi di tempo si erge un cantato gloriosamente teatrale e recitativo, che sa rendersi personale e fresco (breve escursione in territori screaming compresa)

L’unico piagnisteo di insoddisfazione lo si può sbrodolare nei confronti di uno spregevole minutaggio che supera di poco la mezz’ora, lasciando l’amarezza per una proposta musicale tanto intelligente e piacevole quanto corta e quasi sfuggevole. Nessun filler o riempitivo, certo, ma qualche minuto in più di goduria scandinava non avrebbe di certo spaventato.

Tracklist:
1. The Minstrel's Curse
2. Song of Durin
3. How Long is Ever
4. The Rumour and the Giantess

(Prophecy Production/2008)

0 commenti:

Posta un commento